Και μάλλον Έλληνες καλείσθαι...

"Και μάλλον Έλληνες καλείσθαι τους της παιδεύσεως της ημετέρας ή τους της κοινής φύσεως μετέχοντας" ΙΣΟΚΡΑΤΗΣ

(“Siano chiamati Elleni gli uomini che partecipano della nostra tradizione culturale più di quelli che condividono l'origine comune” ISOCRATE)

28 gennaio 2012

Theo Angelopoulos, l'eternità un giorno...

Theo Angelopoulos è morto nella notte del 25 gennaio, investito da una motocicletta. Stava girando il suo ultimo film Η άλλη θάλασσα (L'altro mare), il terzo della trilogia iniziata nel 2004 con La sorgente del fiume e proseguita nel 2009 con La polvere del tempo.
Oggi pomeriggio i suoi funerali ad Atene, ossia l'ultimo

25 gennaio 2012

Dionisis Savvopoulos a Roma

Sono felice di annunciarvi che ben presto (il 14 febbraio) sarà a Roma per un bellissimo concerto, il poeta-cantautore greco Dionisis Savvopoulos.


Non mi meraviglierei se sapessi che molti di voi non lo conoscono ancora, ma sono qui anche per questo!
D. Savvopoulos in Grecia è molto amato e da persone di ogni età, si potrebbe definire un artista transgenerazionale.

18 gennaio 2012

Poesia della notte II: Ghiannis Ritsos


Ghiannis Ritsos (Monemvasia 1909 - Atene1990) è uno dei più grandi autori classici della letteratura greca contemporanea. Con intensa passione ha descritto il suo essere greco, i suoi ideali di libertà e di giustizia; con forza e ardore ha scritto  poesie raffinate sull’amore e l’eros. 
Eccone una tra le mie preferite, nella traduzione di N. Crocetti (www.crocettieditore.com/leky_vol_1-5.htm)





 Anche le parole
 vene sono 
dentro di esse
sangue scorre
quando le parole si uniscono
la pelle della carta
s’accende di rosso
come
nell’ora dell’amore
la pelle dell’uomo
e della donna.

13 gennaio 2012

Villa Lefkadìa: Ugo Manaresi

Il dipinto che vedete ritrae Villa Lefkadìa, dimora del grande letterato Spiridione Zambelli, in Livorno. Si tratta di un’opera del pittore italiano Ugo Manaresi sommo esponente della scuola dei Macchiaioli, che fiorì nella città toscana per oltre un secolo. La datazione dell’opera è certa: 1895. Zambelli, originario dell’Eptaneso, nel 1870 si stabilì ad Antignano, vicino al porto di Livorno e vi rimase fino alla sua morte, 1881. Il quadro dimostra, però, come la sua scomparsa non impedì alla bandiera greca di continuare a sventolare sul suo balcone.

In primo piano ci sono due donne, la cui identità è ignota. La vita amorosa di Zambelli fu sempre vaga e sarebbe necessario fare dei calcoli cronologici ben precisi e rigorosi collegamenti con fonti originali per poter dare, con qualche possibile certezza, un nome alle due signore raffigurate.


11 gennaio 2012

Poesia della notte I: Kostandinos Kavafis

Questa notte mi è venuta una gran voglia di poesia e mi son ritrovata così tra le mani, il libro Poesie di Kostandinos Kavafis, per la traduzione di Filippo Maria Pontani.
Si tratta di una raccolta che comprende 154 poesie “erotiche” e “storiche”, in  un’edizione con il testo a fronte, uscita qualche anno fa per la collana La grande poesia del Corriere della sera, iniziativa mirabile.
In quarta di copertina c’è una delle poesie più belle di Kavafis:
Torna (1912) e vorrei condividerne la lettura con voi ( ascoltatela in greco).

Torna
Torna sovente e prendimi,
palpito amato, allora torna e prendimi,
che si ridesta viva la memoria
del corpo e antiche brame trascorrono nel sangue
allora che le labbra ricordano, e le carni,
e nelle mani un senso tattile si riaccende.

Torna sovente e prendimi, la notte,
allora che le labbra ricordano, e le carni...

8 gennaio 2012

IL CANTO DEMOTICO

L’inizio della letteratura neogreca risale al IX sec. circa. In questa epoca la lingua greca, dopo aver attraversato una fase preparatoria che ha occupato molti secoli, si è ormai conformata nelle sue specifiche caratteristiche e appare non molto diversa dalla lingua odierna. Le prime opere di letteratura neogreca sono i canti demotici.
Il canto demotico affonda le sue radici nell’antica canzone popolare, da cui spesso non si differenzia neanche nella lingua (per es. i chelidonìsmata) […] così, da migliaia di

6 gennaio 2012

GRECIA-ITALIA: UNA FACCIA UNA RAZZA?

 Di Diego Zandel

Quanto, dell’impossibilità di realizzare, qui in Italia, riforme strutturali capaci di modernizzare il Paese e riequilibrare il divario sociale che lo caratterizza, dipende dal sistema capitalistico in sé e quanto dalla natura degli italiani, e quanto ancora quest’ultima incide su come il sistema capitalistico italiano stesso si configura?

5 gennaio 2012

Questo mio blog è dedicato alla Grecia e in particolare, alla Grecia contemporanea.